10 luglio 1912 - Museo Francesco Baracca - Comune di Lugo

Vai ai contenuti principali
 
 

10 luglio 1912

 

Ieri dopo mezzogiorno, ritornato da Parigi, mi sono recato subito all'aerodromo, dove ho potuto felicemente passare, avanti sera, le tre prove di brevetto. Tutto è andato bene e così ora sono anche brevettato "pilota aviatore […] Ma si vede che a Torino hanno altro da pensare, perché nessuno si fa vivo e nessuno ci scrive: per fortuna che si ricordano di mandarci ogni tanto mille lire ciascuno.

Cominciamo a fare una vita da 'Padri Eterni': mai niente da fare; ora non andiamo più al mattino all'aerodromo; ma soltanto la sera e là restiamo due o tre ore e vediamo volare e provare sempre nuovi apparecchi e ce la passiamo in compagnia di amici, di signore e di signorine che ogni sera vengono all'aerodromo.

I1 giorno che lascerò Reims piangerò amare lacrime, perché non torneranno per me, mai più, giorni belli come questi.

Ho passato a Parigi quattro giorni (dal 5 all'8 luglio) indimenticabili... Ho visto i caffè e i restaurant di Montmartre, un po' diversi dalle chiese di San Francesco e di S. Maria di Lugo.