Donazioni - Museo Francesco Baracca - Comune di Lugo

Vai ai contenuti principali
 
 

Donazioni

 

Il regolamento del Museo Baracca, approvato nel marzo del 2008, contiene un riferimento esplicito alle donazioni, laddove impegna la direzione a favorire l’incremento del patrimonio tramite donazioni di beni di effettivo interesse, lasciti, depositi ed acquisti coerenti con le proprie finalità e con la tipologia delle proprie collezioni.

Il Museo si è mosso coerentemente con questa ispirazione, cercando di sensibilizzare l’opinione pubblica e i propri visitatori, anche a mezzo stampa, affinché siano partecipi di un progetto di crescita delle collezioni, nella convinzione che esista ancora del materiale di pubblico intereresse relativo a Baracca o alla vicenda dell’aviazione nel primo conflitto mondiale negli archivi di collezionisti, familiari dei protagonisti di quell’epoca o di semplici appassionati.
Così in parte è stato e ci auguriamo che possa continuare ad essere.

Una donazione di particolare rilievo, anche per il suo valore simbolico e per gli affascinanti collegamenti storico-culturali di cui è portatrice, è quella di Johannes Walenta , storico e collezionista viennese che, in contatto da alcuni anni con la direzione del Museo per motivi di ricerca, ha voluto festeggiare i suoi settant’anni donandoci una magnifica giubba da ufficiale da Dragone della Cavalleria austro-ungarica, appartenuta al Barone Paul von Verstel , pilota dell’aviazione austriaca.
La donazione Walenta è stata molto apprezzata dalla cittadinanza, anche perché costituisce una sorta di gemellaggio nel nome della riconciliazione fra popoli un tempo divisi dal conflitto, oltre che un gesto umano che denota la generosità del donatore, l’amore per la storia del suo e del nostro paese.

Altri gesti di simpatia nei confronti del Museo sono venuti, negli ultimi tempi, dalla Famiglia Visani , con le sorelle Giulia, Artemisia e il fratello Paolo, eredi della nota famiglia di artisti locali Paolo,  Domenico, Giulia, Veronica e Carlo, attivi tra la seconda metà dell’Ottocento e la seconda del secolo scorso, i quali hanno donato fotografie, giornali e un ritratto in olio su terracotta di Domenico Visani raffigurante Francesco Baracca; da Anita Cattani , che ha donato quattro medaglie commemorative di Baracca e tre cartoline commemorative con aerogramma emesso in occasione del 50° anniversario della morte dell’Asso.  

La Famiglia Bartolotti di Lugo, quale erede dell’ingegnere Alessandro Goffarelli , in ossequio alle volontà dello stesso, ha fatto dono al Museo della sezione aeronautica della sua biblioteca, composta da 185 tra volumi, riviste e stampe, avente come oggetto l’aeronautica, con particolare riferimento alla prima guerra mondiale e allo stesso Baracca. Materiale, quest’ultimo, che è parte del Centro di Documentazione costituito lo  scorso anno con sede presso la Biblioteca Trisi e che da poco ha superato i cinquecento volumi, disponibili per consultazione previa appuntamento.

I coniugi Sciacca di Mantova, in occasione del 90° anniversario della morte di Baracca, hanno messo a disposizione del Museo il cuscino del seggiolino di pilotaggio dell’ultimo, tragico volo dell’Asso degli Assi, mentre Maria Giovanna Nuccorini e Marcello Savini hanno contribuito alla crescita del patrimonio del Museo con la donazione di alcuni cimeli appartenuti al padre della signora Giovanna. Recentemente la signora Natalia Baracca , nipote della Contessa Paolina e del Conte Enrico, ha donato una serie di documenti e riviste relative alle vicende dell'eroe.

Testimonianze, queste elencate,  di simpatia e di sostegno al Museo di cui non possiamo non andare fieri, anche perché denotano un’attenzione e un apprezzamento del nostro lavoro che è sicuramente uno stimolo per perseverare nello sviluppo delle ricerche e dei contatti.