Cappella sepolcrale - Museo Francesco Baracca - Comune di Lugo

Vai ai contenuti principali
 
 

Cappella sepolcrale

 
cappella-sepolcrale

Il progetto architettonico e il complesso decorativo della Cappella per la Tomba Baracca a Lugo  costituiscono, sia per l'originalità della concezione, sia per la perfetta integrazione dello stile, un momento particolarmente efficace e unitario nell'opera della maturità dell'artista Roberto Sella  (Lugo, 1978- Faenza, 1955).

La Cappella Baracca , ideata nel 1923 e portata a termine l'anno seguente, occupa la terza arcata del loggiato a emiciclo a sinistra per chi entra dal viale centrale del cimitero cittadino. Esibisce un'eclettica dovizia di materiali nobili, valorizzati da una lavorazione di altissimo pregio .

Gli esecutori furono tutti di grande bravura, magistrali interpreti dell'ideazione e dei disegni dell'artista, come scrive la storica dell'arte Orsola Ghetti Baldi in una monografia dedicata a Sella. 

La cancellata a maglia di ferro battuto, sormontata dalla stella d'Italia e da una teoria di ali d'aquila  e recante le date di nascita e di morte , si deve alla Ditta Matteucci di Faenza. 

L'arca monumentale , dove riposano le spoglie mortali, ricavata dal bronzo fuso dei cannoni austriaci catturati in guerra, comporta svariati simboli dell'eroismo legati alla figura dell'aviatore: l'ippogrifo e il cavallino rampante si stagliano sulla base a rilievo; un'aquila maestosa di bronzo, che sta per librarsi in volo, serrando tra gli artigli la bandiera italiana, sormonta con imponenza l'urna , realizzata dalla Ditta Piani di Milano.

L'abside , rivestita in parte in marmo giallo di Siena, in parte a pannelli con ornati vegetali, ha nella cupola un ornamento musivo di grande espressività, che ricorda la volta stellata di Galla Placidia a Ravenna, facendo campeggiare in un cielo cobalto punteggiato di stelle d'oro la figura della Vittoria alatarecante in mano il cuore fiammeggiante dell'eroe . Questo comparto a mosaico, materialmente eseguito da Augusto Agazzi di Venezia , fu integralmente concepito, per quanto riguarda il progetto e ogni particolare del disegno, da Roberto Sella.